A proposito di trasgressione

16/11/2018

Mi sono ritrovata, per motivi di lavoro, a riflettere sui vari significati che porta con sè la trasgressione. Per farlo sono partita dalla sua etimologia, imbattendomi in un significato che ho trovato, in qualche modo, inaspettato: dal latino transgredi, composto di trans (al di là, attraverso) e gredi (per gradi) [fonte: Etimo.it]. Si tratta quindi di un graduale oltrepassare i limiti?

 

 Ogni contesto sociale , che chiunque di noi vive, racconta e trasmette dei valori di riferimento, una sorta di enciclopedia di norme sociali che regolano il vivere comune e ci si aspetta vengano rispettate.

Questi canoni comportamentali di riferimento vengono proposti attraverso l'istruzione scolastica, i rapporti con la famiglia e con i gruppi sociali di riferimento (dal catechismo alla palestra), attraverso la televisione e i best seller.

 

Si tratta, quindi, di una divulgazione, se possiamo definirla così, diffusa al punto da essere impalpabile ed inafferrabile. Ne siamo immersi fino a non vederla più e questo genera la confusione tra quelle che sono le opinioni dell'esterno e quelle che sono le nostre opinioni.

Si confonde quello che desideriamo essere, con quello che gli altri si aspetterebbero che noi fossimo, in un certo senso quello che abbiamo imparato deve essere il nostro traguardo.

 

Da qui la difficoltà a trasgredire.

 

Potremmo interpretare l'etimologia come "spingersi, poco alla volta, al di là dei precetti", ed è chiaro quale è il timore in cui incorriamo, scontrarci con chi i precetti li detta, ma è chiara anche la difficoltà, quella di cogliere chiaramente la diversità tra i propri desideri e quelli di chi è esterno a noi.

Concedersi la possibilità di cogliere questa diversità significa costruirsi la propria autorizzazione a trasgredire, e lo si può fare saldi nella consapevolezza che la nostra propria identità non può essere messa alle strette dai canoni sociali.

 

Riflettere sui condizionamenti sociali che viviamo ci aiuta a capire la storia di alcuni nostri vissuti, e ci rende liberi di decidere quale norma rispettare, e quale invece, trasgredire.

Crediti e bibliografia:

 

Foto: Domenico Terribili

 

Etimologia: http://www.etimo.it/?term=trasgredire

 

Filmato: Come gode un corpo?, Massimo Recalcati, Alipsi, Video

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag

Dr.ssa Valentina Scarozza - Psicologo a Roma, Colleferro, Frosinone - Iscrizione Albo regionale del Lazio n° 23583

valentina.scarozza@gmail.com - Tel. 351 892 5908 - P.IVA 15209751005